Gnam Gman, è l’ora di iniziare con le prime pappe!

 

Ti svelo un segreto: ho svezzato e preparato prime pappe per BEN due volte e sono ancora viva!!! Ti racconto come sono sopravvissuta a questa fase della crescita dei miei bimbi che mi sempre messo un po’ di ansia.

Nella stagione dello svezzamento, ogni mattina un bimbo si sveglia e sa che dovrà sputare tutta la pappa più veloce di quanto lo imbocchi sua mamma o vincerà LEI. Nella stagione dello svezzamento, ogni mattina una mamma si sveglia e sa che dovrà imboccare il suo bambino più veloce di quanto lui sputi tutta la pappa o vincerà LUI.

 

Puoi iniziare con le prime pappe se il tuo bimbo :


  • ha più di sei mesi
  • inizia ad avere ancora fame appena preso il latte
  • ha già la capacità di stare seduto da solo
  • guarda incuriosito il vostro cibo a tavola
  • inizia a prendere gli oggetti con le mani e ha l’istinto di portarseli in bocca

 

Bene! Lui è pronto, ma tu?

 

Chiedo a te, perchè anche se nessuno te lo dice mai, TU per prima devi essere pronta a passare dal latte alle pappe, essere tranquilla è fondamentale per la buona riuscita di un passaggio delicato come lo svezzamento.

Devi essere soprattuto pronta ad accogliere i suoi segnali, per capire cosa gli potrebbe piacere e cosa no ed assecondarlo, da questi primi passaggi si trasmette ai figli l’amore per il cibo, la gioia di mangiare ogni cosa proposta senza ansie di dover finire sempre tutto.

Le prime pappe spesso risultano delle lotte!

 

lotta allo svezzamento

Tu che tenti di imboccarlo a forza e lui che lancia o sputa tutto.


Niente di grave!! Fattene una ragione, con le prime pappe è un passaggio obbligatorio.


Non amerà subito di quello che gli proponi, avrà bisogno di tempo per conoscere e riconoscere i gusti diversi, sarà un passaggio graduale (dopo molte prove e fallimenti da parte tua).

Impara a non pensarli come fallimenti, ma come tante bozze diverse per arrivare al lavoro perfetto.


Per prepararti alle prime pappe ti consiglio di:

 

  • Di seguire un mini corso per la buona nutrizione, mettendolo in pratica nella cucina quotidiana ti darà grandi benefici e sarà un grande vantaggio per tutta la famiglia.
  • Di conoscere quali sono gli alimenti definiti allergizzanti: sono alimenti che se introdotti nell’alimentazione dei bambini prima dei due anni possono provocare reazioni allergiche o intolleranze, tra questi ci sono le fragole, ciliegie, frutta secca, crostacei e molluschi.

Io ho cercato di non darli prima, con Sara ci sono riuscita senza sforzi ma con Teo è stato più complicato, quando vedeva la sorella maggiore mangiare qualcosa voleva assolutamente assaggiarla anche lui.
Così poco prima dei famosi 24 mesi ho ceduto facendogli assaggiare fragole e crostacei ma, sotto consiglio del pediatra al quale mi rivolgo sempre, li ho dati in tempi diversi senza mischiarli insieme, in modo da poter individuare subito l’alimento allergizzante qualora ci fosse stata una reazione indesiderata.

 

  • Di iniziare con pappe delicate con gusti non troppo forti e decisi, le prime pappe se hanno un gusto dolce che ricorda il latte verranno apprezzate sicuramente.
POTREBBE INTERESSARTI  Primo bagnetto al neonato: non si scorda mai
  • Di dare sempre le prime pappe ad una temperatura tiepida, sono molto delicate le mucose della bocca di un neonato. E’ fondamentale assaggiarle prima, o come me fatti aiutare dal cucchiaino termosensibile che cambia colore se la temperatura è troppo alta.

Mi sono trovata bene con questo della MAM ricevuto a casa in un giorno grazie al servizio Pime di Amazon.

[wpmoneyclick id=7652 /]
  • Di scegliere un set prima pappa, i bimbi amano avere cose personali che diventano poi fondamentali nella routine del pasto, Sara era eterna, impiegava un secolo a finire le pappe e mi è stato fondamentale l’acquisto del piattino che mantenesse il cibo a temperatura. Teo invece era più vorace in un attimo finiva ma alla vista del piatto vuoto non resisteva dalla voglia di buttarlo a terra, così per lui ho comprato un piattino con la ventosa sotto (da brava mamma crudele)!

[wpmoneyclick id=7657 /]
[wpmoneyclick id=7656 /]
  • Di comprare dei libri che ti aiutino nell’approccio allo svezzamento senza stress!!

Io ho letto La pappa è falice di Giorgia Cozza e Io mi svezzo da solo! Dialoghi sullo svezzamento di Lucio Piermarini e Svezzamento secondo natura di Michela Trevisan. Sono libri dal taglio differente ma ognuno modo suo mi ha illuminata e guidata durante il grande passo dello svezzamento.

[wpmoneyclick id=7658 /]
[wpmoneyclick id=7659 /]
[wpmoneyclick id=7660 /]

  • Di fare scorta di bavaglini, ne abbiamo usati una quantità esagerata tanto che ho poi comprato anche i bavaglini in silicone che potevo lavare in lavastoviglie insieme al set per la prima pappa. E quando eravamo fuori casa ho utilizzato tantissimo i bavaglini monouso, quelli usa e getta (non poprio i più ecologici, ma mi hanno salvata dallo stress).

[wpmoneyclick id=7661 /]
[wpmoneyclick id=7662 /]

Adesso che siete entrambi pronti per le prime pappe ti consiglio di provare una ricetta per lo svezzamento che ai miei bimbi è piaciuta tanto, talmente tanto da mangiarsi anche il piatto!

 

ricetta prime pappe

E che vinca il migliore, BUON APPETITO!

 

Commenti

commenta