Oramai credo sia risaputo non esistono diete miracolose.
E’ palese: sono articoli che i magazine pubblicano per mero scopo di marketing.
Ognuno di noi per mantenersi in buona salute deve ricevere ogni giorno una gamma completa di  nutrienti essenziali.
I primi tra tutti vengono rappresentati da: proteine, carboidrati (poi scopriremo perché così importanti) e grassi, utili per fornire energia e vanno assunti regolarmente.
Un alimentazione per essere sana deve comprendere un’ampia varietà di cibo.
Il benessere fisico nasce da una serie di combinazioni e abitudini, ed è importante porsi in modo positivo e propositivo.

Come combattere l’effetto Yo-Yo?

Non saltare la colazione.

E’ un pasto fondamentale che interrompe il lungo digiuno notturno ed aiuta ad affrontare bene la giornata. Fornisce il 20% delle kcal necessarie e favorisce il mantenimento dei valori glicemici. Va consumata senza fretta.

Non dimenticare di consumare lo spuntino!

Sono pasti accesorei che aiutano a controllare la fame. Un’alimentazione regolare stabilisce l’indice di glicemia e i livelli di insulina nel sangue.(*)

Consuma quotidianamente frutta e verdura!

Devono costituire la base di qualunque piano alimentare.
Essere presenti ad ogni pasto rappresenta la scelta privilegiata per spuntini e merende.
Attenzione a non eccedere con la frutta.
Io, per esempio non posso inserire più di 400 gr di frutta al giorno! In quest’ultimo caso un buon nutrizionista saprà come consigliarvi!
Mangiare molta verdura inoltre aiuta a controllare il peso grazie all’elevato contenuto di fibre che rallentano l’assorbimento dei grassi e degli zuccheri, oltre a dare un maggior senso di sazietà.

Evitare cibi preconfezionati.

Impreconfezionati e da fast food contengono zuccheri raffinati, sali ed additivi alimentari che possono influire sulla salute per molti motivi.
Inoltre, in questi prodotti si trovano i grassi parzialmente idrogenati e trans, estremamente connessi alle malattie coronariche.

E i dolci?

Alimenti zuccherati, zucchero bianco raffinato, destrosio, sciroppo di glucosio, dolcificanti artificiali e cioccolata possono causare gravi squilibri di zucchero nel sangue, sbalzi d’umore, una minore resistenza alle infezioni, iperattività. Sarebbe più indicato usare dolcificanti alternativi naturali come il miele o la frutta ma sempre con parsimonia!
Evitare di ridurre drasticamente l’apporto di carboidrati(*) dalla vostra dieta! 
E’ controproducente! Essi comportano il 55/60% del fabbisogno calorico giornaliero e quindi restano indispensabili nell’ottica di un’alimentazione equilibrata ! 
Evitare l’assunzione di bibite gasate edulcorate: coca, aranciata, limonata e the solubile. apportano un elevato,quantitativo di calorie, gonfiano e non sono rilevanti per la qualità a fini funzionali.
Evitare il consumo di cibi grassi, fritti e salse di ogni tipo (maionaese, ketchup, senape) e condimenti groppo elaborati (panna o burro); portano un elevato quantitativo di colesterolo e grassi saturi che per il loro elevato apporto calorico, ostacolano il processo di dimagrimento.

Mantenere uno stile di vita attivo.

La salute non è una semplice assenza di malattia, ma è uno stato di benessere fisico, mentale  e spirituale.
E’ importante condurre una vita il più possibile attiva e ciò’ vale sopratutto per chi ha un lavoro sedentario.
Sarebbero raccomandati almeno 30/40 min al giorno di Attività fisica ininterrotta al giorno. Il 50% dei risultati dipendono dall’attuare uno stile di vita attivo. Il controllo alimentare non basta!
Non si dimagrisce praticando diete povere è fortemente restrittive! Al contrario, l’organismo avverte una situazione d’allarme e trattiene i grassi demolendo la massa magra che invece va preservata ed aumentate attraverso l’Idratazione ed un adeguata attività fisica!
Evitate di farvi influenzare da opinioni di chi esprime giudizi errati e propone soluzioni miracolose. 
Non esisto intrugli o bibitoni che tengano, occorrono motivazione e forza di volontà!
(*)La glicemia è la concentrazione di zucchero (glucosio) presente nel sangue. Nelle persone non diabetiche la glicemia a digiuno è in genere tra i 60 e i 99 mg/dl. Dopo i pasti tale intervallo può arrivare fino a 130-159 mg/dl (< 160 mg/dl), a seconda della quantità di carboidrati (zuccheri) assunta con la dieta.  Ecco perché sono così importanti i carboidrati!! L’alterata glicemia a digiuno si accompagna a insulinoresistenza e a un aumento del rischio cardiovascolare (Ipoglicemie). Mantenere quanto più costante possibile la glicemia è importante per assicurare il normale apporto energetico al cervello che – a differenza degli altri organi e dei muscoli – non è capace di immagazzinare riserve di glucosio. Il glucosio presente nel sangue rappresenta quindi l’unica fonte utilizzabile che deve sempre essere disponibile.
(Fonte : diabete.com)
Articolo a cura di Vivy  Https://effetto-serra.it

Commenti

commenta