Basta da quest’anno cambio vita!!

Lo dici anche tu ogni anno?
Io inizio sempre con questa affermazione, faccio una lista infinita di buoni propositi e di sogni da realizzare; una volta dico che mi iscriverò in palestra ma di solito vado oltre il primo giorno di allenamento, oppure inizio con una dieta, sai dopo le feste ci si deve disintossicare,  ma al terzo giorno torno sempre alla solita alimentazione, ma quest’anno cambio davvero!

Tra il 2018 e il 2019 oltre ai classici riti scaramantici, e alla ripromessa classica di risparmiare più soldi mi sono fatta travolgere da una nuova routine mattutina grazie alla quale inizio la giornata con una grossa dose d’ansia in meno.

Grazie al consiglio di un’amica, ho iniziato a leggere il libro La via dell’artista di Julia Cameron, un libro che non è indirizzato (come potrebbe far pensare il titolo) solo agli aspiranti artisti ma a tutti coloro che si sentono insoddisfatti della propria vita o di alcune parti di essa.
Questo è il libro giusto per incominciare un percorso verso la propria creatività, per scavare nel profondo io, per riuscire ad essere quello che seitrovare la via della felicità.

Offerta

Già da qualche settimana avevo scelto i quaderni, avevo scelto la penna, insomma ero pronta per iniziare un nuovo percorso di vita.

 

Cosa sono le tre pagine del mattino

 

Ho deciso di iniziare il 31.12.2018 per avere una sorta di continuità tra un anno e l’altro, per non dare un taglio netto; alla fine di ogni anno passato ci portiamo sempre dietro qualcosa anche in quello nuovo e ho voluto fare lo stesso anche per le mie “pagine del mattino”.

Dopo aver letto le prime pagine del libro consigliato sono rimasta folgorata… DOVEVO farle, anche se con non poche difficoltà, (svegliarmi presto è traumatico) mi ritaglio almeno mezz’ora ogni mattina appena sveglia dove scrivo tutto quello che mi passa per la testa:

  • Senza filtri
  • Senza blocchi mentali
  • Senza mappe di un passato che sto cercando di raddrizzare
  • Senza giudizi

Strano eh?

Forse… ma è proprio il momento tra il sonno e la vera sveglia quello dove ancora non si sono attivati tutti i tuoi schemi mentali e riesci davvero ad entrare in connessione con i tuoi pensieri più intimi (belli o brutti che siano!)

POTREBBE INTERESSARTI  ALLATTAMENTO AL SENO : cose che avrei voluto sapere prima di diventare mamma.

Prima di svegliarmi del tutto, prima di ogni cosa prendo il mio quaderno, segno il giorno e la data e inizio a scrivere, diciamo che faccio passare i pensieri dalla mia aggrovigliata mente al foglio, senza dar peso né alla forma, nel al contenuto.  Scrivo solo 3 pagine non di più né di meno, e vale tutto!
Se non so’ cosa scrivere allora scrivo: “Non so’ cosa scrivere, non so’ cosa scrivere” fino a quando non mi viene in mente altro, se sono arrabbiata lo scrivo, se mi voglio lamentare lo scrivo senza sensi di colpa.

 

Come rendere efficaci le pagine del mattino

 

Perché questo esercizio mattutino diventi routine e sia davvero efficace, devi farlo per almeno per 12 settimane ogni giorno, anche quando non ne avrai voglia.
Non devi rileggerlo, il quaderno una volta scritto lo dovrai tenere lontano da occhi indiscreti, te ne dovrai prendere cura come fosse un bambino, lo devi proteggere da tutto e da tutti.

Dicono sia terapeutico, che aiuti ad iniziare la giornata con molti pensieri in meno (problema grosso di chi come me soffre di ansia) e che liberi l’artista che è in noi.
Un libro che ora più che mai sento essere quello di cui ho bisogno.

Come ogni cosa nuova forse scommetto che hai timore ad iniziare, ma giuro che per questa routine ti serve pochissimo, scegli un bel quaderno, una penna con la quale ti trovi bene a scrivere, posa tutto sul comodino, imposta la sveglia 30 minuti prima del solito e scrivi scrivi scrivi fino a completare le tue pagine del mattino senza pensare a nient’altro.

Solo allora sarai pronta per iniziare davvero la giornata.

P.s. era molto che non scrivevo su carta, ed ha davvero un effetto magico. Adoro il rumore scricchiolante delle pagine già scritte quando vengono girate.

Commenti

commenta