Non ho la bacchetta magica per rigenerarti la pazienza, ma ti racconto come non perderla in sole 7 mosse…

pazienza-magica

Prima di essere mamma, ero una persona impaziente al limite dell’intolleranza quasi.. e ritrovarmi all’improvviso con questa qualità mi ha fatta sentire un’altra persona, una persona migliore, una persona più tranquilla, una persona magica.

Ho scoperto sulla mia pelle, quanta pazienza serva nell’essere mamma; in particolar modo mamma di una treenne in piena fase Terrible Twos. 

Hai mai contato quante volte al giorno ti trovi ad esclamare: ” Che pazienzaaaa!!”? Io sì, lo dico almeno 18235164832546835847513957693478589468756394650301606136508,00 volte.

 

 A me succede quando:

  • Al mattino non si vuole alzare.
  • Al mattino non si vuole vestire, perché deve giocare.
  • Al mattino non ha voglia di andare all’asilo perché deve far dormire la sua bambola.
  • Al mattino mi fa fare le corse, nel senso che corro proprio per portarla in tempo all’asilo.
  • Al pomeriggio quando non vuole fare il bagno perché non le interessa e vuole disegnare.
  • Al pomeriggio quando mette la casa sottosopra e poi è stanchissima per risistemare.
  • Alla sera quando non vuole mettere il pigiama perché a lei tanto non piace fare la nanna lunga.
  • Alla sera quando continua a fare rumore mentre cerco di far dormire suo fratello.
  • Alla sera quando appena messa a letto mi chiama e mi dice che vuole tornare in salotto perché non ha sonno.

Invoco la forza della pazienza almeno 10 volte al giorno!!

Lo so, ho scritto solo 9 punti, ma tanto me la fa invocare almeno un’altra volta per il più svariato dei motivi.

Pazienza vieni a me!!! Ma che cos’è la pazienza?

Secondo il vocabolario è:  Virtù di chi sopporta, anche a lungo, i mali, le avversità, le noie con serenità, rassegnazione, comprensione, tolleranza. Qualità di chi sa attendere senza insofferenza.

Secondo me, la pazienza delle mamme è una magia!!

La magia che ti viene in soccorso quando, ormai allo stremo della sopportazione vorresti urlare, piangere e uscire di casa sbattendo la porta platealmente dicendo a tutti “da oggi fate senza di me”! (immagina anche il tono un po’ inacidito mentre pronunci la frase da film).

Immagino la pazienza delle mamme come un’energia rinnovabile, che si rigenera in tempi brevi, perché guai a perderla per troppo tempo!!

Immagino la pazienza delle mamme come un’energia inesauribile in grado di rigenerarsi.

Ogni volta che invoco “LA PAZIENZA” mi immagino come un supereroe, sento confluire in me le forze della natura, del sole, del vento, del mare.

mamma-super

Si dice che la pazienza scappi, ma da dove? Dove andrà mai?

A me la pazienza pian piano si esaurisce e quando capita mi sento spiazzata, in difficoltà, non riesco più a gestire nulla, diventa tutto un braccio di ferro con i bambini, di quelli sfinenti senza nessun vincitore.

La Pazienza delle Mamme…

COME non perderla in 7 mosse: 

1.  Dico sempre in anticipo, e continuo a ripetere come un mantra più volte cosa faremo a breve.

2. Uso il timer della cucina per scandire i tempi che ancora non riesce a riconoscere in autonomia.

3. Cerco di rispettare i suoi tempi il più possibile (a volte non ci riesco e… uuuuuuuhhhh se scappa la pazienza)

4. Durante il capriccio inizio a cantare, così si distrae e si rilassa concentrandosi sulla canzone e non sul disagio precedente. (Il vecchio detto “Canta che ti passa!” funziona sempre)

5. Esco dalla stanza e le dico di fare da sola; il più delle volte colpisco nel segno perché sento gridare : E vaaa beeeneee!!!

6. Cerco negli occhi di mio marito la forza per calmarmi e riprendere possesso delle mie azioni; quando finisco la pazienza sembro io quella nel pieno dei Terrible Twos.

7. Le dico chiaro che ho esaurito la pazienza e che sono stanca dei suo modo di comportarsi, scandendo bene i vari UFFA UFFA UFFA sono STUFA!

Questo metodo funziona?

Ovviamente non è infallibile ma spesso riesco ad ottenere buoni risultati senza arrivare al limite.
È vero che la pazienza ha un limite, ma è altrettanto vero che per spostare più avanti quel limite basta un sorriso.

Poi con un bel respiro, un sorriso e contando fino a 10, si riparte alla grande! (a volte conto fino a 20!!)

Provaci, e siccome male non fa, al massimo ti sei fatta una bella cantata e sbuffata.

Ricordati che sei una mamma, e tutto quello che fai lo fai alla grande!!

Se poi riesci anche solo un pochino a gestire ed aumentare il livello di pazienza, passi di grado, diventi MAGICA!!!

POTREBBE INTERESSARTI  SICUREZZA DEI BAMBINI IN AUTO: LE 10 REGOLE!

Commenti

commenta