Sogni di fare la blogger?
Hai solo una vaga idea di cosa voglia dire gestire un blog?
Scegliere la nicchia ti fa pensare molto ad architettura e poco al web?
Scegliere il nome del blog è stato più difficile che scegliere quello di un figlio?
Se senti dire Hosting rispondi:” Hosting abbiamo un problema”.

In collaborazione con Doctaprint ti racconto le tre regole per il personal brandig.

Hai finalmente aperto il blog che parla della tua grande passione. Che siano viaggi, libri, fotografia, famiglia e figli, cibo ecc ecc, il tuo blog è il tuo spazio personale. Parla di te, di come sei, e soprattutto promuove i tuoi contenuti affinché arrivino a un numero potenzialmente illimitato di lettori.
Insomma, hai tutte le carte in regola ma hai la sensazione che ti manchi qualcosa: cos’è questo qualcosa? Te lo dico subito: il personal branding.

Se non hai mai sentito parlare di personal branding è probabilmente perché ti sei avvicinato da poco a questo mondo. In sostanza, si tratta di strategie di promozione della propria immagine e della propria reputazione sul web. Ovviamente le strategie si costruiscono nel tempo e vanno a consolidare la tua posizione, ma il punto di partenza è che devi portare i tuoi utenti a fidarsi di te.
Le regole per fare questo sono poche e semplici, e devi seguirle alla lettera se non vuoi sprofondare nel dimenticatoio dei blog.

La prima regola per portare l’utente alla fiducia nel tuo personal branding, è la SINCERITA’:

Immagina ogni tuo lettore come come fosse un partner ,non devi mentire al tuo utente inventando notizie false o proponendo contenuti palesemente modificati, copiati o non rispondenti al vero. Se è vero che il mercato delle bufale è sempre in crescita, è altrettanto vero che lo zoccolo duro di utenti predilige contenuti di qualità, e tende a rifiutare blog che propinano qualcosa di risibile.
Ti starai domandando se non sia mai possibile mentire a fin di bene, dire delle piccole bugie o attuare dei piccoli trucchetti che permettano al tuo blog di crescere: la risposta è ovviamente sì, ma devi essere in grado di dissimulare questa strategia e di non farla scoprire a nessuno.

La seconda regola del personal branding è la REALTA’:

I social non sono la vita reale. La imitano, a volte la condizionano, ma non saranno mai uguali. Per questo motivo, se vuoi costruire la tua reputazione online e mantenerla salda devi anche curare la tua vera reputazione.

(ricorda, dietro un blog c’è sempre una persona.)

personal brandig

La terza regola del personal branding è L’IMMAGINE:

E’ vero che l’abito non fa più il monaco, ma la prima impressione di te e del tuo blog è quella che conta.

Devi quindi innanzitutto pensare alla grafica del logo: semplice ma allo stesso tempo d’impatto, accattivante, non banale e che rimanga impresso agli utenti.
Se sei arrivato fin qui a leggere, avrai capito che possedere un blog non è un’attività a costo zero: per farlo crescere è necessario investire con continuità in tempo e denaro, e le soluzioni rimediate hanno vita molto breve. Contatta un bravo designer per il tuo logo, e non aver paura di investire in un lavoro ben fatto: sarà tutto denaro ben speso che ti permetterà di farti conoscere. Il Logo è come un vestito, un buon grafico come un bravo sarto ti saprà cucire addosso quello perfetto per te e la tua immagine.

POTREBBE INTERESSARTI  #IlBellodelleBlogger oggi è: CENTRIFUGATO DI MAMMA

Se sei o vuoi essere un professionista nel mondo della comunicazione digital devi anche curare la grafica dei tuoi biglietti da visita e dei tuoi immancabili block notes. Il biglietto da visita è la piccola vetrina della tua immagine personale e il primo mattoncino del tuo personal branding: è ciò che rimarrà di te in mano alle persone alle quali ti sei presentato.

immagine blog e personal branding

I block notes personalizzati, poi, sono ancora più utili. Prendere appunti su un blocknotes contenenti il tuo logo e gli indirizzi socail , ancor più offrire un foglio o un intero blocco per appunti come gadget, ti aiuta a farti conoscere.
Tutti avranno il tuo logo sotto gli occhi per molto tempo, magari anche solo per fare la lista della spesa. In questo modo aumenterai le interazioni con il tuo blog e ti renderai capillare nelle vite di molte persone.

Insomma, se non si è capito sono un’amante della cartoleria personalizzata, quindi lunga vita ai block notes personalizzati: ma come fare per averli?

fare personal brandig con i block notes personalizzati

Ho provato il servizio Doctaprint, che ti permette di stampare volantini, flyer, biglietti da visita e blocchi per appunti con il simbolo del tuo blog.

Ho scelto i Docta Block per prendere appunti a casa e in giro non avrò più foglietti svolazzanti.
I blocchi di carta Doctaprint sono pensati per rispondere a tutte le tue esigenze. Ti piace prendere molti appunti su fogli grandi? C’è il blocco in A4, come se fosse un vero quaderno.
I formati in A5 e A6, invece, sono più piccoli e maneggevoli, da portare sempre con te.
Tutti i blocchi rilegati con la spirale presentano quest’ultima nella parte alta, così da non dare fastidio mentre scrivi sia se sei destro che se sei mancino.

I Docta block possono essere con spirale o incollati, con i fogli già tratteggiati per essere strappati con più facilità. Questi blocchi possono contenere anche 100 pagine e possono recare il logo del tuo blog o della tua azienda non solo sulla copertina, ma anche nelle pagine interne.

Puoi impostare, infatti, i filtri che vuoi per costruire passo passo il tuo block notes personalizzato che contribuirà al tuo personal branding. Puoi avere un blocco con il semplice logo dell’azienda, oppure averne uno con una foto significativa e carina e inserire il logo nelle pagine di carta all’interno. Il blocco potrà servire a te per gli appunti, ma potrai regalarne delle copie alle persone che incontri per motivi di lavoro.

Ho provato il servizio e quando ho avuto dei dubbi su come creare al meglio il file grafico da inviare, mi sono fatta aiutare dall’assistenza on line che prontamente, in modo chiaro e semplice mi ha spiegato ogni passaggio da seguire nel dettaglio.

Insomma, ho capito che per far volare alto il tuo blog devi prima di tutto volare alto tu. Devi farti conoscere, farti apprezzare e soprattutto farti ricordare. Con tenacia e lavorando duro il tuo blog può essere un successo, ma il valido aiuto dei blocchi appunti Doctaprint è una spinta irrinunciabile per essere sempre al primo posto.

Commenti

commenta